Ciao a tutti
Home » Italia News

Italia News

Liguria – Nachrichten aus Ligurien (Italienisch)


Italia – RSS Web News EU (Italienisch)

Meteo Giornale – La previsione meteo per l’Italia
  • NEVE e GELO fine Novembre, INVERNO all’attacco. Ma non è METEO ANOMALO
    von Mauro Meloni am 26. November 2021 um 17:22

    Procediamo spediti  verso l’inizio dell’inverno, che per il calendario meteo partirà ufficialmente il primo dicembre. In passato erano frequenti le ondate di freddo anche molto intense nell’ultima decade di novembre e con la neve fino in pianura. [caption id="attachment_31654" align="alignnone" width="1280"] Neve di fine novembre, non certo una rarità[/caption] Un’ondata di freddo estrema, fra le più rilevanti del periodo, colpì l’Italia nel periodo compreso tra gli ultimi giorni di novembre e gli inizi di dicembre del 1973. Una possente colata artica piombò sull’Europa e poi sull’Italia, a seguito dell’espansione dell’anticiclone delle Azzorre in direzione della Groenlandia.   Il gran freddo giunse repentino, con le temperature minime che il giorno 28 novembre scesero fino a -8° a Novara e Bolzano, -10° a Malpensa, -7° a Torino ed a Pisa. Allo stesso tempo una prima perturbazione si organizza sulle Isole Britanniche e scende sulla nostra Penisola, passando dalla Francia.   Ciò determinò la comparsa di neve a quote molto basse e persino in pianura. Nevicò a Venezia, Trieste, Rimini e fino a Firenze. Sul capoluogo toscano non nevicava, in Novembre, dal 1925 e nevicò molto abbondantemente a Pistoia e Lucca, ma una spolverata si ebbe anche ad Arezzo, Siena e Grosseto.   Qualche fiocco cadde leggero al mattino persino a Roma, mentre la neve cade ben più abbondante verso i Castelli, i Colli Albani, il reatino e a Frosinone. Quest’evento invernale novembrino fu del tutto eccezionale per la sua intensità, anche se il clou poi si ebbe a seguire, nei primi giorni di dicembre.   Probabilmente questa del 1973 fu la più forte ondata di freddo e neve almeno dal Dopoguerra nella terza decade di novembre, assieme a quelle verificatesi nel 1988, nel 1998 e nel 2005. Non si può non citare poi il novembre 1980, con il freddo precoce più anticipato della storia addirittura ad inizio mese. L'articolo NEVE e GELO fine Novembre, INVERNO all’attacco. Ma non è METEO ANOMALO proviene da METEO GIORNALE.

  • GIAPPONE del nord, meteo estremo. Nevicata record a Hokkaido
    von Franco Rossi am 26. November 2021 um 15:58

    https://www.youtube.com/watch?v=RMKMC2AMixk La città di Sapporo nell’isola di Hokkaido, ci troviamo nella parte settentrionale dell’arcipelago giapponese, è stata interessata da una nevicata di intensità record: 60 cm in 24 ore. Una quantità mai vista prima nel mese di novembre. Nel frattempo, temporali di forte intensità si sono verificati più a sud, come a Niigata dove c’è stata anche una forte grandinata.   Il servizio meteorologico giapponese indica che le condizioni meteorologiche estremamente avverse derivano dal notevole contrasto di masse d’aria gelida che viene dalla Siberia, con le ancora troppo calde acque del Mar del Giappone.   Tutto questo sta generando fenomeni atmosferici di estrema intensità, con nubifragi e allagamenti. Ma torniamo nel Nord del Giappone, dove le condizioni avverse sono accompagnate anche dal freddo, peraltro abbastanza precoce con questa intensità, in alcune zone la temperatura è scesa a valori tipicamente invernali così che è nevicato diffusamente. L'articolo GIAPPONE del nord, meteo estremo. Nevicata record a Hokkaido proviene da METEO GIORNALE.

  • METEO Italia all’11 dicembre, FREDDO con NEVE. Poi ancora BRUTTO
    von Ivan Gaddari am 26. November 2021 um 13:50

    POSSIBILE EVOLUZIONE METEO A 15 GIORNI Modelli matematici orientati, con forza, verso un inizio di dicembre pienamente invernale. Le condizioni meteo climatiche stanno per cambiare, pesantemente, un cambiamento che ci porterà in men che non si dica nel pieno Inverno. L'aria proveniente dal Circolo Polare Artico, ovviamente fredda, farà crollare le temperature e nell'arco di una settimana avremo almeno due impulsi.   Si prospetta maltempo e soprattutto si profilano le prime nevicate a bassa o bassissima quota. Dopodiché, carte alla mano, potrebbero subentrare altre variazioni derivanti dal posizionamento dell'Alta Pressione delle Azzorre. I centri di calcolo internazionali, infatti, propongono uno spostamento della struttura anticiclonica verso levante e una ripresa dell'attività ciclonica nord atlantica.   Cambiamento che potrebbe spingere nuovi affondi depressionari sul Mediterraneo occidentale, con conseguente peggioramento del tempo anche sulle nostre regioni.     IL METEO A BREVE TERMINE Prima di occuparci dei possibili scenari a lungo termine è bene focalizzare l'attenzione sul breve e sul medio termine. Come detto stiamo per imbatterci nella prima, consistente irruzione artica. Irruzione che colpirà in pieno le nostre regioni a partire dalla giornata di sabato, ma soprattutto nelle giornate di domenica e lunedì.   Un fine novembre, quindi, pienamente invernale. Le temperature crolleranno, letteralmente, orientandosi su valori favorevoli alle nevicate a bassa quota. Nelle regioni del Centro Nord si potrebbero imbiancare le colline, oltre chiaramente ai rilievi laddove le nevicate potrebbero risultare localmente abbondanti.   Freddo che poi si trasferirà parzialmente verso sud, a seguire un temporaneo miglioramento in attesa di un secondo impulso artico che dovrebbe farsi strada nella seconda parte della prossima settimana. Per i dettagli occorre ancora un po' di pazienza.   METEO INVERNALE Riprendendo quanto scritto in apertura dobbiamo dirvi che l'eventuale peggioramento nord atlantico manterrebbe, comunque, il quadro meteo climatico pienamente invernale. Certo, le temperature salirebbero, ma il maltempo la farebbe ancora da padrone.   Tenete conto che potrebbe trattarsi di un affondo depressionario piuttosto corposo, destinato al Mediterraneo occidentale e in successivo rientro sulle nostre regioni. Uno scenario non dissimile da quanto osservato in questi ultimi giorni.   Da valutare, poi, se l'eventuale cambiamento nel posizionamento dell'Alta Pressione delle Azzorre produrrà ulteriori irruzioni artiche. Ipotesi, questa, che non possiamo escludere e che potrebbe cancellare l'eventuale assalto nord atlantico. IN CONCLUSIONE Comunque la si guardi stiamo andando incontro a un periodo meteo climatico tipicamente invernale. Rammentiamo che le previsioni meteo con validità sino a 5 giorni hanno una maggiore affidabilità, mentre questa decresce man mano che ci allontaniamo nel tempo. L'articolo METEO Italia all’11 dicembre, FREDDO con NEVE. Poi ancora BRUTTO proviene da METEO GIORNALE.

  • Proiezioni METEO per l’INVERNO: c’è un asso nella manica, ecco quale
    von Alessandro Arena am 26. November 2021 um 11:30

    [caption id="attachment_31644" align="aligncenter" width="1280"] meteo invernale[/caption] Fino a questo momento, nonostante le proiezioni stagionali necessitino costantemente di ampie rivisitazioni, abbiamo centrato l'obbiettivo. Avevamo parlato di un avvio d'Inverno nella seconda parte di novembre ed è ciò che sta accadendo.   Provare a ragionare sul trend stagionale è un esercizio complesso, che come ben saprete richiede specifiche conoscenze della materia meteo climatica. In particolare di alcuni elementi di conoscenza della circolazione atmosferica emisferica, legata a pattern di vario genere tra le quali ci piace citare le anomalie termiche oceaniche perché tra le più importanti. Non scordiamoci che l'interazione atmosfera-oceani è fondamentale.   La Nina, la convezione tropicale, la QBO e chi più ne ha più ne metta. Entrare nel dettaglio di ogni singolo pattern annoia, lo sappiamo fin troppo bene. E' per questo motivo che preferiamo concentrarci sul risultato, ben più comprensibile e ben più interessante. Ed allora, sappiate che l'ipotesi di un Inverno sorprendente è la più accreditata.   I tasselli del puzzle, come detto in altre sedi, si stanno incastrando nel modo giusto. Sapete che significa? Molto semplicemente che il Vortice Polare potrebbe andare letteralmente in crisi. Anzi, diciamo che potrebbe andare letteralmente in frantumi. Sì, perché le forzanti troposferiche potrebbero causarne la rottura, il cosiddetto split.   Quando? Difficile dirlo. Anche in questo caso possiamo fare delle ipotesi, ovvero che a cavallo tra fine dicembre e la prima decade di gennaio possa succedere qualcosa di grosso. Tenete conto, tra l'altro, che s'intravede lo sviluppo di un Anticiclone russo-siberiano niente male. Ecco, questa potrebbe essere una delle forzanti troposferiche.   Potremmo assistere a un'ondata di gelo davvero imponente: probabilmente in varie zone dell'Europa centro orientale, ma le probabilità che possa colpire anche il Mediterraneo ci sono. Non chiedeteci dettagli, tempistiche o quant'altro. Stiamo ragionando ipoteticamente, sulla base di attente analisi atmosferiche.   Prima, però, dovremo affrontare un mese di dicembre che nella seconda parte potrebbe metterci di fronte a un vero e proprio assalto invernale. Freddo reiterato, con possibilità di fenomeni nevosi diffusi a bassa quota. Non è una previsione, ma neppure un'idea campata in aria. Tanto saremo quindi, ogni giorno, a discuterne insieme.   Quest'anno l'asso nella manica c'è per davvero, chissà che non possa essere un Inverno old style, una di quelle stagioni destinate a passare alla storia. L'articolo Proiezioni METEO per l’INVERNO: c’è un asso nella manica, ecco quale proviene da METEO GIORNALE.

  • Seconda IRRUZIONE ARTICA la prossima settimana: meteo da pieno INVERNO
    von Alessandro Arena am 26. November 2021 um 10:17

    [caption id="attachment_31642" align="aligncenter" width="1280"] Evoluzione meteo crollo termico[/caption] Quella che inizialmente era un'ipotesi sta diventando realtà. Le condizioni meteo climatiche stanno cambiando, pesantemente. Un vero e proprio terremoto barico, così come lo definimmo qualche settimana fa. Ricorderete che all'epoca interpretammo alcuni pattern climatici, in particolare focalizzammo l'obbiettivo sul Vortice Polare e sulle inaspettate debolezze d'inizio stagione.   I tasselli del puzzle si stanno incastrando alla perfezione e stiamo per giungere al risultato atteso: Inverno. La prima, corposa irruzione artica è ormai alle porte e nel fine settimana verremo letteralmente catapultati in pieno Inverno. Pieno Inverno significa che avremo un crollo delle temperature, associato a maltempo e alle prime nevicate a bassa quota. Attenzione, perché al Centro Nord potrebbero imbiancarsi anche alcune aree collinari.   Tutto finito a inizio settimana? Neanche per idea. Anzitutto farà freddo sino a martedì, dopodiché avremo un temporaneo miglioramento ma non aspettiamoci chissà cosa. Si tratterà di un intervallo tra un'irruzione e l'altra, perché confermiamo - semmai ce ne fosse bisogno - la seconda ondata di freddo in nemmeno una settimana.   Il posizionamento dell'Alta Pressione sarà tale per cui avremo ancora a che fare con l'aria fredda proveniente dal Circolo Polare Artico. Guardando i modelli previsionali dobbiamo focalizzare l'attenzione sulla traiettoria d'ingresso del freddo, difatti pare che stavolta sia destinato a un ingresso più orientale. Significa che a differenza della prima incursione i maggiori effetti potrebbero interessare le regioni del Centro Sud e in particolare i settori adriatici.   A livello termico non avremo differenze particolari rispetto alle temperature attese nelle prossime 72 ore. Probabilmente avremo una maggiore incidenza nelle regioni meridionali, laddove la prima irruzione arriverà un po' smorzata. Per quanto riguarda le precipitazioni probabile che vada a generarsi instabilità, quindi potrebbero effettivamente verificarsi delle precipitazioni che in virtù dei valori termici invernali potrebbero assumere carattere nevoso anche a bassa quota.   Per bassa quota intendiamo livelli collinari sul medio basso Adriatico, mentre al Sud potrebbero attestarsi attorno agli 800-1000 metri (ma con locali sconfinamenti a quote inferiori). Come potrete ben capire è prematuro entrare nei dettagli, anzitutto dovremo capire quale sarà l'effettiva traiettoria d'ingresso della massa d'aria fredda, dopodiché si potrà ragionare su quota neve e quant'altro.   Quel che è certo, al momento, è che ci aspetta una settimana fortemente invernale. Una settimana che ci farà assaporare quel che di buono potrebbe offrirci la nuova stagione. L'articolo Seconda IRRUZIONE ARTICA la prossima settimana: meteo da pieno INVERNO proviene da METEO GIORNALE.

Durch die weitere Nutzung der Seite stimmst du der Verwendung von Cookies zu. Weitere Informationen

Die Cookie-Einstellungen auf dieser Website sind auf "Cookies zulassen" eingestellt, um das beste Surferlebnis zu ermöglichen. Wenn du diese Website ohne Änderung der Cookie-Einstellungen verwendest oder auf "Akzeptieren" klickst, erklärst du sich damit einverstanden.

Schließen